La “mise en place” è una locuzione francese che significa “mettere in ordine” o “allestire”. Nel contesto del galateo e del bon ton, la “mise en place” si riferisce all’allestimento della tavola prima di un pasto.

In particolare, la “mise en place” prevede l’organizzazione e l’allestimento degli elementi che compongono la tavola, come le posate, i bicchieri, i piatti, le tovaglie, i tovaglioli e i centrotavola. L’obiettivo è creare un’atmosfera piacevole e raffinata, che rispecchi l’occasione e il tipo di pasto che si sta per consumare.

Seguire la “mise en place” è un segno di rispetto per gli ospiti e per l’occasione. Inoltre, permette di evitare imbarazzanti inconvenienti durante il pasto, come il dover cercare le posate o i bicchieri mancanti.

In generale, si consiglia di seguire le seguenti linee guida per la “mise en place”:

La tavola deve essere allestita in modo simmetrico e ordinato.
I bicchieri vanno posizionati in linea con i piatti, a destra del commensale.
Le posate vanno disposte secondo l’ordine in cui verranno utilizzate, partendo dalle esterne verso l’interno del piatto.
Il tovagliolo può essere piegato e posizionato sopra il piatto o a destra delle posate.
Il centrotavola deve essere proporzionato alla dimensione della tavola e all’occasione.
Seguire la “mise en place” è un gesto di eleganza e di cura per i propri ospiti, che contribuisce a creare un’atmosfera raffinata e piacevole durante il pasto.

Articoli consigliati